Indicatori di trading per investire con successo sui mercati [Guida]

Il trading è una disciplina che utilizza una serie di strumenti per migliorare e supportare l’attività dai trader. Fra questi ci sono gli indicatori di trading, indispensabili per sfruttare al meglio le oscillazioni dei mercati finanziari.

In questa guida troverete i migliori indicatori di trading disponibili sul mercato, sono tutti gratuiti e sono presenti nelle principali piattaforme di trading offerte dai vari Broker online.

Per imparare come si usano questi strumenti vi consigliamo di scaricare un Corso di Trading gratuito, del quale parleremo meglio in seguito, ecco il link per scaricarlo gratis:

Clicca qui e scarica gratis il Corso di Trading

Per capire come integrare questi indicatori in una strategia di trading è preferibile guardare come operano i trader più esperti, approfittando del Copy Trading eToro. Anche di questo parleremo meglio nel resto della nostra guida.

Questi servizi sono offerti gratuitamente e qui sotto elenchiamo una serie di Broker online, tutti senza commissioni, che permettono di sfruttare gratis i migliori indicatori di trading e fare pratica anche in demo:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capital
    Deposito Minimo: 20€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma Metatrader MT4
  • Decine di criptovalute
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Imparare ad usare gli indicatori di trading

    Gli indicatori di trading sono alla base dell’analisi tecnica e chi opera seguendo una qualsiasi strategia utilizza almeno uno degli indicatori che descriveremo.

    A dire la verità anche chi segue l’analisi fondamentale sfrutta comunque alcuni di questi indicatori per scegliere i migliori punti di ingresso e uscita dal mercato.

    In questa guida elencheremo i migliori indicatori di trading che possono essere utilizzati per negoziare sui principali mercati. Per imparare ad usarli in maniera proficua vi consigliamo di seguire queste 3 fasi:

    1. Capire ciò che fanno i trader più esperti con il Copy Trading
    2. Studiare dal Corso di Trading sviluppato da XTB
    3. Fare pratica sul conto Demo di uno dei Broker proposti

    Come accennato in precedenza il conto Demo lo troverete su ognuna delle piattaforme proposte dai Broker CFD elencati nell’introduzione.

    Sono tutti intermediari affidabili e regolamentati, quindi potete scegliere liberamente quale usare per la vostra operatività.

    Vediamo invece come sfruttare i primi due punti elencati in precedenza:

    Imparare dai trader più esperti

    eToro è uno dei Broker CFD più diffusi al mondo e la sua popolarità è dovuta a numerosi servizi a supporto dell’operatività dei trader.

    Naturalmente parliamo di un intermediario regolamentato CONSOB, quindi sicuro e affidabile, con oltre 20 milioni di iscritti alla sua piattaforma.

    Questa piattaforma, considerata fra le più intuitive sul mercato offre tutti gli indicatori di trading che andremo ad esaminare in questa guida e molti altri.

    Clicca qui per registrarti gratis su eToro

    Ma c’è un servizio che va oltre gli indicatori e la piattaforma e permette di imparare dai trader più esperti. Questo strumento si chiama Copy Trading.

    Come si intuisce dal nome è un sistema che permette di scegliere i trader più esperti di eToro e con un click, ricopiare sul vostro conto tutte le loro operazioni a mercato, automaticamente e senza costi aggiuntivi.

    Grazie al Copy Trading vedrete come operano i trader più esperti e come sfruttano gli indicatori di analisi tecnica a proprio vantaggio.

    Ecco come si usa il Copy Trading:

    • Accedete all’area “Persone” su eToro
    • Selezionate i trader che volete copiare
    • Il Copy Trading ricopierà sul vostro conto ogni loro operazione a mercato

    Ecco alcuni di questi trader esperti con i loro rendimenti passati:

    trader etoro

    Copia i trader migliori cliccando qui

    Studiare un Corso di Trading

    XTB è un Broker online fra i più diffusi in Italia e in Europa.

    Opera con numerose licenze, fra cui la prestigiosa autorizzazione CySEC, che è sinonimo di affidabilità in ambito internazionale.

    Ma oltre alla licenza ci sono tutta una serie di servizi che hanno contribuito a rendere questo intermediario finanziario così popolare. Uno di questi è il Corso di Trading sviluppato dal suo team di esperti.

    Parliamo di un ebook gratuito che spiega come usare i principali indicatori di trading ed è totalmente gratuito, ecco come scaricarlo:

    Scarica gratis il corso di XTB cliccando qui

    indicatori trading

    I migliori indicatori di trading

    L’approccio al trading online dev’essere graduale perché si possano apprendere le strategie più efficaci e ancor prima di negoziare sui mercati è necessario comprendere quali sono i migliori indicatori di trading e come si usano.

    Per favorire il miglioramento delle performance dei trader abbiamo elencato i migliori indicatori a disposizione dei trader, tutti strumenti gratuiti e disponibili nelle principali piattaforme di trading.

    Per utilizzarli al meglio è necessario fare molta pratica, preferibilmente in Demo, così da non correre rischi inutili mentre si imparano le regole di base e i settaggi di questi strumenti di analisi tecnica.

    Vediamo dunque quali sono i migliori indicatori di trading che tutti devono conoscere:

    Media Mobile Semplice

    Per comprendere la tendenza di un mercato bisogna conoscere le medie mobili, che sono gli indicatori essenziali per valutare la direzione di un particolare asset.

    Ogni trader che si rispetti conosce la media mobile semplice e sa impostarla su di un grafico.

    Si tratta di una linea basata sulla media (mobile) degli ultimi prezzi di un titolo e il suo settaggio può essere più  aderente al prezzo (media mobile veloce, ad esempio a 21 periodi) , oppure più a lungo termine (media mobile lenta, ad esempio a 200 periodi).

    La linea viene tracciata direttamente sul grafico dei prezzi e spesso si utilizzano due o tre medie mobili per avere una visione a breve, medio e lungo termine sulla direzione del trend in atto.

    L’incrocio di queste medie mobili, spesso determina dei punti di ingresso o di uscita da un trade.

    Medie mobili

    Pivot Points

    I Pivot poins sono degli indicatori che aiutano a stabilire i “punti cardine” del mercato.

    Solitamente vengono calcolati da un apposito indicatore che segnala quali sono le aree di prezzo “calde”, nelle quali i prezzi possono rimbalzare oppure accelerare rapidamente.

    Sono delle aree nelle quali i prezzi si comportano in maniera simile ai supporti e alle resistenze, quindi bisogna fare molta attenzione quando ci si avvicina a questi livelli.

    I pivot point sono degli indicatori di trading che solitamente vengono utilizzati per stabilire dei punti di ingresso o di uscita dal mercato.

    pivot point

    MACD

    La sigla MACD sta per Moving Average Convergence Divergence, ovvero convergenza e divergenza di medie mobili.

    Si tratta di un particolare indicatore chiamato oscillatore, che come molti altri, “oscilla” all’interno di un canale e mostra i punti di ipercomprato o ipervenduto.

    Questi punti rappresentano le situazioni sbilanciate del mercato, nelle quali ci sono troppi trader che puntano al rialzo oppure troppi che puntano al ribasso e la situazione diventa instabile.

    Inoltre il MACD è costituito da due linee che si intersecano, una delle quali è detta Signal Line. Gli incroci tra queste due linee possono offrire segnali di trading.

    Come potete vedere nel grafico qui sotto, il MACD solitamente non viene mostrato sopra il grafico dei prezzi ma in un’apposita area destinata agli indicatori, al di sotto del grafico stesso.

    macd

    Oscillatore RSI

    Fra gli oscillatori non possiamo fare a meno di parlare dei famoso RSI: Relative Strenght Index. Si tratta di un indicatore che oscilla fra 0 e 100 e mostra le zone di ipercomprato e ipervenduto.

    Come per quasi tutti gli oscillatori, anche l’RSI mostra le situazioni instabili del mercato, quando c’è una dominance di trader che comprano o che vendono e determinano una possibile inversione.

    Le fasi di ipercomprato o ipervenduto vengono solitamente visualizzate graficamente dalla linea RSI che supera determinati livelli, che possono essere settati in base alla strategia utilizzata ma generalmente sono 70 e 30.

    Solitamente un oscillatore come RSI viene utilizzato insieme ad un altro indicatore per determinare meglio i prezzi di ingresso o di uscita dal trade.

    rsi

    Bande di Bollinger

    Le Bande di Bollinger sono un indicatore di tendenza molto efficace, che mostra graficamente un canale direttamente sul grafico dei prezzi.

    Questo canale racchiude la maggior parte dei prezzi al suo interno e si basa sulla media mobile e su altre due linee poste , una sopra e una sotto, che seguono le variazioni di prezzo al rialzo e al ribasso.

    Le linee esterne avvolgono i prezzi e aiutano a comprendere quando questi ultimi stanno per fare delle inversioni, solitamente vicino alle due linee esterne.

    Nei mercati laterali e con trend non eccessivamente rapidi, le Bande di Bollinger sono degli indicatori di trading molto efficaci.

    bande di bollinger

    Oscillatore Stocastico

    Ecco un altro oscillatore che merita un approfondimento: Lo Stocastico, un oscillatore che confronta il prezzo attuale con un intervallo di prezzi precedenti che possono essere settati.

    Il suo movimento è simile a quello del RSI, infatti anche lo stocastico aiuta a distinguere le fasi di ipercomprato e ipervenduto.

    I livelli che indicano le zone di ipercomprato o ipervenduto nello stocastico sono 80 e 20, anche se possono essere modificati a seconda delle esigenze.

    Quando un mercato è in trend, gli oscillatori non sono molto precisi perché i prezzi possono restare parecchio sia in ipercomprato che in ipervenduto.

    Nelle fasi laterali o con tendenze lievi invece, lo Stocastico può essere molto utile per determinare i prezzi di ingrasso e uscita dal trade.

    stocastico

    ADX

    Per individuare un trend ci sono numerosi indicatori di trading e uno dei più usati è l’ADX, che misura la forza del trend.

    Nato come indicatore per le commodities, ora è utilizzato in ogni asset perché la sua efficacia è indubbia.

    Non vogliamo scendere nel dettaglio della formula che lo caratterizza ma è composto da una linea principale e due linee che si intersecano: +DI e – DI.

    Guardando il comportamento di queste due linee rispetto alla linea dell’ADX, si capisce quanto un trend sia stabile e quanto sia forte.

    Inoltre l’incrocio delle linee aiuta a determinare dei validi segnali di ingresso e uscita dal mercato.

    adx

    ATR

    Come ultimo indicatore, ma non certo per importanza, dobbiamo spendere due parole per l’ATR ovvero l’Average True Range, che indica i periodi di bassa e alta volatilità.

    Non è un indicatore che aiuta ad entrare ed uscire da un trade, bisogna usarlo insieme ad un altro strumento per determinare i livelli di entrata e di uscita.

    Ma l’ATR ci dice quanto è alta la volatilità e questo ci permette di capire se un trend si sta sviluppando e quanto sia forte.

    La volatilità è spesso sottovalutata ma un trader deve capire quando conviene negoziare e quando invece è meglio stare fuori dal mercato, perché i prezzi sono troppo “fermi” o troppo “in movimento”.

    Solitamente con una volatilità elevata è difficile trovare dei segnali di trading validi e la stessa cosa si può dire quando è troppo bassa.

    Non sottovalutate mai questo indicatore, che è di ausilio alla maggior parte delle strategie operative.

    atr

    Conclusioni

    Come avete visto gli indicatori di trading sono degli strumenti indispensabili per un trader moderno, che non può prescindere dall’ausilio di almeno uno di questi strumenti per la propria operatività.

    Imparare ad usare gli indicatori richiede molta pratica ma alla base ci dev’essere una buona conoscenza dell’analisi tecnica.

    Per apprendere le basi dell’analisi tecnica e le strategie di utilizzo dei principali indicatori c’è un apposito Corso di Trading. E’ gratuito, scaricatelo subito:

    Clicca qui e scarica gratis il Corso di Trading

    Se volete vedere come i trader esperti sfruttano gli indicatori di trading e le strategie più proficue, utilizzate il Copy Trading di eToro, iniziando anche dal conto Demo, così non correrete alcun rischio.

    Clicca qui e accedi gratis al conto Demo eToro

    FAQ

    Cosa sono gli indicatori di trading?

    Sono degli strumenti che aiutano a comprendere la direzione e la forza di un determinato asset in un particolare periodo di tempo.

    Quali sono i migliori indicatori di trading?

    I migliori indicatori li abbiamo descritti nella nostra guida, i principali sono le medie mobili e gli oscillatori.

    Esiste un indicatore di trading infallibile?

    No, tutti gli indicatori leggono il passato e danno una prospettiva futura basata su matematica o statistica ma non prevedono realmente il futuro , quindi non sono infallibili.

    Dove si impara ad usare gli indicatori di trading?

    Nelle piattaforme di trading come quella di eToro, possibilmente partendo dai conti demo, così da non correre rischi mentre si apprendono le strategie da usare.

    Clicca per votare questo articolo!
    [Total: 0 Average: 0]
    Leave A Reply

    Your email address will not be published.